banner Assicurazione Montenero

banner Autolavaggio 1

banner AZ Investimenti 2

Banner-Banca-Prealpi

banner Beyfin Sedico

Banner-Cesare-Pozzo

Banner-Giesse

Banner-Gruppo-Carraro

Banner-Tipografia-DBS

Banner-Villa-Del-Poggio

Banner-Longarone-Fiere

banner Ottica Thomasbanner Sartoria Capponi

banner Paloma3

Banner-Pizzeria-O-Scugnizzo

banner Sartoria Capponi

usarci veneto  

 

Coordinamento Usarci Veneto

Il sindacato USARCI diventa più forte, presente e rappresentativo nel Veneto; il 20 novembre 2017 è nato il Coordinamento USARCI VENETO.

I Presidenti delle sedi provinciali di USARCI lunedì 20 novembre 2017 hanno deliberato la costituzione del coordinamento USARCI VENETO e nominato Segretario Regionale Franco Roccon, Presidente di Usarci Belluno.

Attraverso USARCI VENETO, il sindacato contribuirà anche al lavoro della Consulta del Veneto per l’Autonomia, facendosi portavoce delle migliaia di Agenti e Rappresentanti di Commercio attivi nel Veneto, tutelando la loro professionalità e promuovendo attivamente sul territorio Regionale questa importante categoria economica. 

Il neo promosso segretario Roccon, nel ringraziare i colleghi Presidenti, ricorda l’importanza della figura dell’Agente di Commercio nel tessuto economico del Veneto, ribadisce l’importanza dell’esito del referendum e della grande opportunità che si è venuta a creare per la nostra Regione e assicura un forte impegno per accreditare USARCI VENETO presso gli organismi della Regione e presso le altre associazioni di categoria per creare la giusta sinergia di lavoro.  “Per questo - continua Roccon - potremo contare sull’esperienza maturata fin dal 1948 di USARCI che trova le sue origini proprio nel Veneto e che in tutti questi anni ha contribuito con costanza e determinazione a rappresentare l’importante categoria economica degli Agenti di Commercio. Il patrimonio di professionalità ed esperienza che USARCI ha accumulato è un fondamentale ed insostituibile capitale che si intende mettere a disposizione delle forze politiche attualmente impegnate nella impegnativa trattativa con il Governo centrale”.